Anita Sieff


anitasieff@fastmail.fm


Self Portrait
(less)

more statements 

La soggettività è una conquista del Novecento. Credo che a livello di percezione solo l'umano moderno sia in grado di vivere questo stato. Il significato del portato è enorme perchè dischiude all'impermanenza della dimensione psicologica e simultaneamente all'azzardo della proiezione soggettiva. La crisi nasce dall'impossibilità che ha la soggettività di trovare riferimenti esterni perchè non ha ancora imparato ad usare il sentire come parametro. Il sentire non pretende di essere omologato, perchè non può confrontarsi. La soggettività non trova applicazione sociale nella condivisione di appartenenza e deve quindi misurarsi con la sola coscienza di sè e questa è una dimensione anomala per l'idea preconcetta che abbiamo di comunità. La chiave linguistica del contemporaneo è dischiusa in questa zona così impraticata, così marginale da quelle che sono le norme di socializzazione. Dobbiamo riconoscere che siamo tutti uguali in quanto a soggetti  che sentono e imparare a risuonare tra di noi. Solo questo potrà garantirci contro gli abusi di chi si arroga il diritto di sperimentare sulle nostre anime sensibili. 



Subjectivity is an achievement of the twentieth century. I believe that on a perceptional level only modern humankind is able to experience such a condition. It's significance is enormous, as it leads to the impermanence of the psychological dimension and simultanously to the hazard of the subjective projection. The crisis arises from the impossibility for the subjectivity to find external points of reference, as it has not learnt yet to use feeling as the parameter. Feeling does not expect to be homologated because it cannot be compared. Subjectivity cannot find a social application in sharing affiliation, and needs therefore to contend with one's own awareness, an anomalous dimension because of the prejudiced idea of the community we share. Contemporary linguistic behavior is to be found in such an unpracticed area, so peripheral to the norms of socialization. We have to agree upon being all sensitive humans and learn to resonate with each other as only such conscience will prevent us from those who claim to have the right to experiment with our sensitive souls.